Coldiretti e L’Uomo e il Legno: l’agricoltura sociale protagonista al “Cerasa Fest 2018”

Home / eventi / Coldiretti e L’Uomo e il Legno: l’agricoltura sociale protagonista al “Cerasa Fest 2018”

Si è concluso domenica scorsa il “Cerasa Fest“, che anche quest’anno, alla sua seconda edizione, ha colorato di giallo piazza Dante, a Napoli. Una tre giorni in cui migliaia di persone hanno potuto visitare il farmers village con il mercato di Campagna Amica, un’iniziativa targata Coldiretti che realizza iniziative sulla tutela dell’ambiente, del territorio, delle tradizioni e della cultura, della salute, della sicurezza alimentare, dell’equità, dell’accesso al cibo ad un giusto prezzo, dell’aggregazione sociale e del lavoro.

L’Uomo e il Legno, grazie ai progetti di agricoltura sociale “campoAperto” e “Masseria Antonio Esposito Ferraioli” , ha aderito a Campagna Amica partecipando a questo piccolo grande mercato e portando il contributo della produzione nel sociale: pesche cresciute nella Masseria Antonio Esposito Ferraioli, bene confiscato alla camorra, e prodotti freschi bio provenienti da “campoAperto”, l’azienda agricola sociale dei detenuti del Carcere di Secondigliano, che sono alcuni esempi dei prodotti che il settore del sociale può offrire.

A dimostrazione che l’agricoltura è una grande occasione per creare inclusione sociale e lavorativa con economia reale.

 

<<Il successo di questa seconda edizione – hanno dichiarato Gennarino Masiello e Salvatore Loffreda, presidente e direttore di Coldiretti Campania – ci lascia la responsabilità di continuare a fare crescere le occasioni di confronto tra agricoltori e cittadini. Le famiglie hanno ritrovato negli occhi dei nostri contadini la fiducia verso un cibo autentico, identitario, che racconta una Campania capace di produrre eccellenze agroalimentari uniche al mondo. Il progetto di Campagna Amica rappresenta un legame profondo con i consumatori, ma ha dimostrato di saper trasmettere anche il valore della sostenibilità. Il km zero significa sostenere l’economia delle aree rurali, scegliere un cibo sano che tutela l’ambiente e salvaguardare la nostra biodiversità dall’omologazione dei sapori>>.

 

 

Related Posts